Ambiente, Territorio e Infrastrutture

fi-logo

Mobilità e trasporti: disegniamo la Lombardia del futuro!

PRMT Metrotranvie RA 2 lrNelle prossime sedute del Consiglio regionale voteremo un provvedimento fondamentale, che definisce obiettivi, strategie e azioni per lo sviluppo infrastrutturale della Lombardia.
Orgoglioso di essere stato relatore del nuovo Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti (PRMT), in Commissione abbiamo lavorato per arrivare a elaborare uno strumento che nei prossimi anni renderà la Lombardia ancora più connessa, accessibile e competitiva con le grandi città europee.

L'approccio è assolutamente innovativo, consideriamo che l'ultimo piano regionale dei trasporti è stato approvato nel 1982 (più di 30 anni fa!).Il nostro obiettivo è dare una visione infrastrutturale di lungo periodo.
Una parte significativa del Piano riguarda Milano e la Grande Milano (polarità). Noi crediamo, infatti, che lo sviluppo infrastrutturale sia lo strumento principe per competere a livello globale.
Al centro abbiamo messo i cittadini (ridurre i tempi negli spostamenti) e le imprese (migliorare il sistema logistico e facilitare lo scambio delle merci).
Gli obiettivi del programma sono:
•  dare un servizio di qualità (più servizi e meno traffico);
•  aumentare la sicurezza negli spostamenti (meno incidenti);
•  integrazione tra modi di trasporto (più scambi intermodali);
•  sostenibilità economica e ambientale (meno inquinamento).
Con sviluppo infrastrutturale ci riferiamo soprattutto a quello su ferro che interessa sia le linee sub-urbane che le metropolitane.
Un po' di numeri:
Sono correlate alla Grande Milano:
•  circa il 30% della mobilità generata in Lombardia (in uscita);
•  circa il 40% della mobilità attratta in Lombardia (in entrata).
Il 50% degli spostamenti che interessano la città di Milano (1,7-1,8 milioni al giorno) sono spostamenti di scambio, ossia dall'interno all'esterno dell'area o viceversa. Consideriamo che per questo tipo di spostamenti è ancora significativo e prevalente l'uso del mezzo privato. In altre parole, se mi muovo all'interno di Milano utilizzo i mezzi di trasporto pubblico ma se devo andare/venire da Milano uso l'auto.
Il sistema autostradale tangenziale a Milano presenta traffici giornalieri superiori ai 100mila veicoli al giorno.
Quali sono le strategie del piano per l'area di Milano?
1.
Ridurre la congestione del traffico;
2. Rafforzare le linee ferroviarie suburbane;
3. Favorire lo sviluppo di nodi di interscambio tra mobilità pubblica e privata e le sinergie di rete nella mobilità pubblica.
Come si attuano?
Linee metropolitane
Realizzeremo un sistema di interscambio funzionale con la rete di forza milanese (metropolitane e tram).
Realizzeremo quell'effetto "rete" che oggi manca (il sistema ferroviario ora ha una funzione prevalentemente radiale).
Studieremo e programmeremo lo sviluppo e la riqualificazione della rete delle metropolitane di Milano.
Oltre agli interventi:
•  di completamento della M5 Bignami- San Siro;
•  di realizzazione della M4 Lorenteggio- Linate;
•  di prolungamento della M1 fino a Monza Bettola;
•  della M2 fino a Vimercate;
•  della M3 fino a Paullo,
abbiamo inserito nel piano i prolungamenti:
•  M1 da Bisceglie a Baggio;
•  M2 da Assago a Rozzano/Binasco;
•  M2 da Gessate a Trezzo sull'Adda;
•  M3 da Comasina a Cormano/ Paderno Dugnano;
•  M3 da San Donato a Peschiera Borromeo/ Paullo;
•  M4 da San Cristoforo a Corsico/ Buccinasco;
•  M4 da Linate a Segrate/ Pioltello;
•  M5 da Bignami a Monza Bettola;
•  M5 da Monza Bettola a Monza Parco;
•  M5 da San Siro Stadio a Settimo Milanese.
Linee suburbane e regionali
Il piano pone come obiettivi:
•  prolungare alcuni sistemi suburbani fino a un capolinea differente;
•  attivare nuove linee suburbane di corto raggio sulle tratte più congestionate;
•  potenziare alcuni corridoi di servizi.
Oltre al ricambio dei treni più vecchi, è necessario dotarsi di nuovi treni aggiuntivi per svolgere i nuovi servizi previsti dal piano.
Sarà indispensabile interconnettere i sistemi di rango differente (ad esmpio passanti, regionali e RegioExpress).
Il programma prevede lo sviluppo, la riorganizzazione e l'efficientamento dei nodi di interscambio. Le stazioni saranno attrezzate, ad esempio, con parcheggi adeguati, bike sharing, car sharing. Saranno adeguate, inoltre, alle persone con mobilità ridotta e saranno installati sistemi di videosorveglianza per aumentare la sicurezza.
Tra gli interventi sono previsti:
•  un nuovo collegamento ferroviario tra le due stazioni principali di Milano (Porta Garibaldi e Centrale),
•  il completamento del raddoppio Milano- Mortara,
•  il quadruplicamento della tratta Milano Rogoredo- Pavia con la nuova stazione di Pieve Emanuele e la trasformazione in fermata delle stazioni di Locate Triulzi, Villamaggiore e Pavia;
•  il potenziamento della Milano- Seveso- Asso e della Saronno- Seregno;
•  la riattivazione della linea Garbagnate- Arese- Lainate, per attivare un servizio di tipo suburbano dedicato alla città di Lainate che oggi è uno dei maggiori centri del nord milanese non direttamente servito dalla ferrovia suburbana;
•  l'eliminazione delle barriere architettoniche a Romolo;
•  il potenziamento e la riorganizzazione del nodo di Bovisa, in particolare delle relazioni tra Bovisa e le stazioni di Porta Garibaldi, Centrale e Cadorna.
Strade e autostrade
Per quanto riguarda il sistema viabilistico stradale e autostradale, obiettivi fondamentali del piano sono:
•  decongestionare il traffico;
•  migliorare la sicurezza delle infrastrutture.
Tra le azioni inserite nel Programma, ci sono ad esempio:
•  il potenziamento delle autostrade esistenti (la quarta corsia dinamica per la tratta urbana milanese sulla A4, la quinta corsia Lainate- Milano sulla A8, la quarta corsia Milano- Lodi sulla A1, l'ammodernamento della Novara Est- MI);
•  il completamento della Tangenziale Nord Milano;
•  la terza corsia Milano- Meda;
•  gli interventi di riqualificazione della Paullese;
•  il potenziamento della Rivoltana;
•  gli interventi di collegamento Milano- Magenta;
•  il completamento della TEM.
All'interno del Piano, infine, si è molto discusso sulla questione TOEM. La tangenziale non è mai stata inserita nel programma come progetto concreto, ma era stata pensata come indicazione per evidenziare l'unicità nell'area urbana milanese dell'anello esterno delle tangenziali, che risulta incompleto.
Per eliminare comunque ogni dubbio ed evitare ulteriori strumentalizzazioni, ho deciso che fosse opportuno togliere ogni riferimento alla TOEM, per cui già in Commissione abbiamo approvato un emendamento, eliminandola.
Aeroporti
Il Programma mira a creare un unico sistema aeroportuale lombardo Malpensa- Linate- Orio al Serio- Montichiari, mantenendo per ognuno il proprio target di riferimento, in linea con la mozione che avevo presentato (febbraio 2014) ed era stata approvata in Consiglio regionale.

focus 2 lr

focus 1

Commenti   

0 #5 ciro 2016-07-20 18:47
sono 23 anni che faccio il tassista a Milano. Non trovo una parola sul servizio taxi, il più efficiente servizio di sharing mobility a disposizione di Milano e Grande Milano.
Ne possiamo parlare ?
grazie
Ciro
Citazione
0 #4 palombini lucia 2016-07-18 17:28
io abito a piola e non posso prendere la metro perchè in discesa devo fare 80 gradini (circa 4 piani). impossibile che rifanno le scale mobili dovunque e non possono farle anche in stazioni tipo piola, non tutti sono giovani e ci sono anche le persone anziane che hanno problemi motori.
Citazione
0 #3 Paolino 2016-07-18 09:31
Per eliminare una gran quantità di traffico su strada (494 e prov 114 soprattutto) sarebbe buona cosa far arrivare la Metropolitana fino almeno alla città di Abbiategrasso
Citazione
+1 #2 Antonietta 2016-07-15 17:53
Con la presente chiedo per quale ragione rimane fuori da qualsiasi previsione o / progetto di costruire un'uscita metro in piazza Firenze. E ' da tempo punto di arrivo da tutti coloro che vengono a Milano in auto. Predisporre una fermata comportere una immediata riduzione del traffico se fosse previsto un parcheggio ad hoc.la piazza si affaccia su corso Sempione via commerciale ricca di uffici . Vi ringrazio Antonietta
Citazione
0 #1 PALMATO Martino 2016-07-15 07:28
Naturalmente faccio i complimenti per le numerose è sempre valide tue iniziative e proposte sei sicuramente ben informato sulle problematiche che i cittadini devono affrontare quotidianamente . Sono curioso di vedere la risposta che il tuo progetto tipo la metro' lorenteggio/Lin ate dia gli enti che hanno più competenza x quanto riguarda la sicurezza dei cittadini (tipo vigilanza e interventi sulle aree che saranno interessate dalla maggior affluenza e presenza dei cittadini , lo stato della piazza Tirana è veramente pietoso per non parlare delle vie limitrofe interessate ogni giorno da interventi di carattere sociale abusi , occupazioni abusive presenza di clandestini e spaccio e scambio di refurtiva . Un quartiere con telecamere di video sorveglianza e posti fissi delle forze dell'ordine, sarebbe la risposta adeguata .......le tue proposte e idee sono sempre ponderate e con basi solide spero che vengano appoggiate da persone che come te si prodigano per la comunità.....
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Seguimi su Facebook

Seguimi su Twitter

Iscriviti e resta aggiornato su eventi e attività